Recensioni siti web

Sepoltura privilegiata: cos’è?

 

29/11/2017

Il defunto può lasciare le proprie volontà attraverso il testamento. Nello specifico dovrà sottolineare la volontà di far disperdere le sue ceneri in luoghi appositamente destinate all’interno dei cimiteri, in natura o in aree private all’aperto, con il consenso del proprietario.

Potrà quindi decidere di rimanere per sempre anche all’interno della sua residenza, in aree verdi. Cattolica San Lorenzo fornirà il supporto necessario per fare in modo che le volontà del proprio caro siano rispettate.

Sepoltura privilegiata: quando e come è possibile richiederla

La sepoltura privilegiata dev’essere autorizzata. Anche la sepoltura privilegiata deve essere autorizzata con apposito decreto dal Ministro della sanità, di concerto con il Ministro dell’interno, udito il parere del Consiglio di Stato, previo parere del Consiglio superiore di sanità. Inoltre, devono essere osservate le norme stabilite dal regolamento di polizia mortuaria.

Può essere effettuata per giustificati motivi, e in caso di speciali onoranze e/o per onorare la memoria di chi abbia acquisito in vita eccezionali benemerenze. La cremazione dei defunti e la dispersione delle ceneri sono autorizzate e disciplinate in Italia dalla legge numero 130 del 30 marzo 2001. Il principio base è che «non costituisce reato la dispersione delle ceneri di cadavere autorizzata dall’ufficiale dello stato civile sulla base di espressa volontà del defunto». Dunque, occorre avere un permesso del Comune per disperdere le ceneri.

Nel caso in cui si procedesse alla dispersione delle ceneri senza autorizzazione dell’ufficiale dello stato civile, si è passibili di reclusione da due mesi a un anno e con la multa.

La legge puntualizza che sono legittimati solo il coniuge o un altro familiare avente diritto, l’esecutore testamentario o il rappresentante legale dell’associazione cui il defunto risultava iscritto o, in mancanza, dal personale autorizzato dal Comune.

Dispersione delle ceneri in mare

Il caro in vita, potrà decidere se far sì che le sue ceneri siano disperse in mare, ma questa è consentita nei tratti liberi da natanti e da manufatti.

Mentre negli Stati esteri, come ad esempio gli Stati Uniti, i parenti dei defunti cremati, in base alle disposizioni o alle ultime volontà, hanno sempre potuto decidere liberamente di conservare le ceneri all’interno di un’apposita urna, collocata presso la propria abitazione o in quella del congiunto, oppure di dispenderle nei luoghi cari, come ad esempio il mare, in Italia questo, sino al 2001, non era assolutamente possibile. La legge ha liberalizzato la dispersione

Notizie dal Blog

Virtual Trainer, sempre più professionisti in chat

Tra le tendenze degli ultimi anni per gli appassionati di fitness, sicuramente alla ribalta continua ad esserci il trionfo delle app dedicate all'allenamento e il contatto con i virtual trainer on line....

ILIAD CONTRO TUTTI

Nel marcato della telefonia italiana da anni assistiamo ormai a una gara tra le compagnie leader del settore: Tim, Vodafone, Wind e Tre....

Profumi da portare in vacanza

Il profumo da mettere in valigia prima di partire per un vacanza al mare deve essere fresco, vivace, luminoso ma anche femminile, sensuale ed esotico....

Ultimi siti recensiti

Totosound

Se hai un gruppo musicale o lavori nel mondo della musica e stai cercando uno studio di registrazione a Roma, sei nel posto giusto!...

Letterasenzabusta

Scegli il servizio postale online che ti permette di inviare i tuoi documenti e le tue comunicazioni in modo semplice e veloce....

Hotel Tirreno Genova

Cercate un hotel economico a Genova per le vostre vacanze? Siete nel sito giusto!...